Ferrara: quando la visura camerale incontra la cultura

gennaio 29, 2015 by · Leave a Comment
Filed under: Dalle Regioni 

Buone notizie

La cultura non si ferma. Cresce, si diffonde. A Ferrara, dopo un periodo di tre anni di gestazione, a dicembre 2014 è nata l’associazione Città delle Cultura/Cultura della città: una start-up derivante dal progetto Coopstartup di Coopfond e Legacoop Ferrara. Un’impresa vera e propria su cui, in quanto tale, può essere richiesta visura camerale.

 

Le persone, i luoghi

I soci si contano sulle dita di due mani. Anzi, meno. Sono nove, tra architetti (7), un geometra e un progettista di eventi: Maurizio Bonizzi, Massimo Davi, Diego Farina, Sergio Fortini, Luca Lanzoni, David Pavani, Federica Poggi, Elisa Uccellatori e Paolo Vettorello hanno unito le loro esperienze, maturate in Italia e all’estero, per mettere su questa bella attività. La loro unione ha portato a nuova vita spazi in disuso da tempo a Ferrara, come il Teatro Verdi e il mercato comunale coperto di via Santo Stefano.

 

Dichiarazione d’intenti

La città emiliana dal 1995 è entrata a far parte dell’Unesco e ha già portato avanti molte attività, fra le quali il restauro delle mura e la riprogettazione del Centro Storico. Ora le energie saranno concentrate sulla conservazione e gestione del patrimonio urbanistico e culturale, seguendo l’esempio della città tedesca di Ratisbona.

 

Città delle Cultura/ Cultura della città

L’associazione ha un sito internet, dove si possono consultare l’elenco dei promotori, il dettaglio delle attività svolte e i progetti e in generale le intenzioni dell’associazione: la rivalutazione della città e dei luoghi di essa che con il passare del tempo hanno perso vitalità e attrattiva. La start-up gode, fra l’altro, dell’appoggio e della collaborazione di altre imprese e associazioni, che formano un vero e proprio network: Area Europa, MEME e il Centro Studi Dante Bighi. La prima si concentra sulla promozione della collaborazione e dello sviluppo sociale ed economico in Europa; la seconda è un’associazione culturale composta da creativi e imprese che vuole ridurre la distanza tra il mondo delle idee e la loro produzione. L’ultimo è un centro ricerche che si occupa di studiare l’attività dell’artista Dante Bighi fra gli anni Sessanta e Novanta, e di realizzare attività culturali derivanti dall’unione di diverse aree e discipline: grafica, pittura, comunicazione, architettura, scultura, fotografia, geografia, musica, didattica e teatro.

La visura camerale

È un documento contenente le informazioni economiche, legali e amministrative di un’impresa: dati anagrafici, codice fiscale, natura giuridica, data di costituzione, attività svolte, cariche amministrative, organi sociali e unità locali. Può essere ordinaria (riportante le voci appena elencate), o storica. In questo caso, come dice il nome, contiene tutte le informazioni sull’azienda a partire dalla sua creazione.

La richiesta visura camerale può essere eseguita anche online, sul sito della Camera di Commercio o sui siti delle aziende che hanno sottoscritto un contratto con InfoCamere e che quindi hanno accesso alle sue banche dati (l’elenco è disponibile sul sito stesso di InfoCamere).

Cos’è la visura camerale

dicembre 10, 2014 by · Leave a Comment
Filed under: Servizi 

La visura camerale è una scheda completa dell’azienda di riferimento: si tratta di un documento ufficiale, utilizzato per diversi scopi. I primi che dovrebbero avere questo documento sono i proprietari dell’attività, per presentarlo in caso di controlli, ma anche per verificare come l’azienda si presenta ai partner e ai clienti presso gli sportelli della Camera di Commercio.

 

La visura camerale viene presentata al momento di aprire l’attività e può essere richiesta all’ufficio di competenza della zona. Il documento può essere di due tipologie: ordinario e storico.

 

Nel primo caso, il richiedente troverà le informazioni di base riferite all’attività (attuale responsabile, partita Iva, sede legale, ecc.); nel secondo caso si ripercorrerà nel documento tutta la storia dell’azienda, i vari passaggi di proprietà che si sono succeduti nel tempo ed eventuali cambi di attività.

 

La visura camerale diventa un’attestazione di reddito quando l’impresa chiede un finanziamento: il certificato camerale potrebbe non bastare. La visura è un documento sempre valido, mentre il certificato ha una validità limitata (sei mesi dalla data di rilascio). Gli istituti di credito valuteranno la solidità dei conti e dei clienti attraverso la visura.

 

Il documento è così richiesto che le camere di commercio hanno messo a disposizione un servizio per richiedere una visura camerale online. La visura acquisita online ha la stessa validità del documento disponibile allo sportello: la procedura online snellisce l’iter, perché il richiedente potrà ottenere visure anche in riferimento a città lontane dalla quella di residenza.

 

Per richiedere una visura camerale online, basta conoscere uno di questi dati:

 

  • La partita Iva di riferimento per l’impresa;

  • Il nome dell’azienda;

  • Il numero della visura camerale che si intende cercare.

 

Se non si ha a disposizione nessuno di questi dati, sarà necessario fare riferimento ad agenzie specializzate, che valuteranno caso per caso come muoversi e preventivare le spese da affrontare per ottenere la visura camerale.

Il consiglio è di conservare questi documenti una volta ottenuti: la visura camerale è un prospetto completo, ideale per fare valutazioni e trovare il proprio posto (almeno a livello fiscale) per la propria attività. Per maggiori informazioni, le Camere di Commercio e gli esperti del settore sono a disposizione.

Pagina successiva »

Intraprendere Blog Network

Magazine Blog Network, è ad oggi il più grande network italiano di blog professionali. Per proporci delle partnership, cambi, collaborazioni, avere informazioni pubblicitarie, inviarci un comunicato stampa contattateci. Il network è gestito da Ariapertalab, casa editrice e laboratorio di idee guidato da Giuseppe Piro.


il nostro network