E’ uno Tsunami

febbraio 17, 2009 by · Leave a Comment
Filed under: Uncategorized 

Scenari è un Settimanale di Tecnologia, Società, Ambiente
a cura di Roberto Reale

2 milioni di disoccupati in 4 mesi. “E’ una crisi peggiore del 1929” dicono negli Usa. In Rete sotto accusa banchieri e privilegi dei Super Ricchi

Dopo la crisi finanziaria è arrivata quella produttiva. Negli Usa, dove tutto è cominciato con le bolle speculative, in molti parlano di catastrofe, di uno tsunami in arrivo. Del resto in soli quattro mesi i senzalavoro sono cresciuti di 2 milioni. Ci sono Stati dove il tasso di disoccupazione supera abbondamente il 10 per cento. Il ceto medio è a rischio scomparsa. Per strada si vedono lunghe file di colletti bianchi o blu in attesa di un sussidio: senza aiuti potrebbero perdere anche la casa. Intanto in internet si moltiplicano le voci contro i privilegi dei banchieri. Fanno scandalo le notizie riguardanti i balletti rosa, i dirigenti finanziari che usano allegramente le carte di credito aziendali per pagarsi le prostitute. Sotto accusa è un sistema in cui un supermanager è pagato 433 volte un dipendente. Il Presidente Obama, fra le polemiche degli interessati, ha fissato in mezzo milione di dollari lo stipendio dei dirigenti di quei gruppi che hanno ricevuto aiuti dallo Stato. Scenari propone un dibattito col Premio Nobel Paul Krugman, l’uomo che aveva previsto il crack, e che ora dice che la crisi è peggiore del previsto. Ci vogliono interventi pubblici mirati a far crescere l’occupazione, bisogna essere decisi, sostiene. Da destra lo contestano dicendo che così aumenta il debito pubblico. Per il momento comunque misure adeguate non se ne vedono. Tutto il mercato, su scala planetaria, sta perdendo colpi, a cominciare dalle auto e dalla casa. E anche il ritorno al protezionismo pare una ricetta assai debole. In Russia sta provando questa soluzione il Premier Putin ma le sue scelte hanno avuto un solo effetto: far scendere la gente in piazza, provocare una mobilitazione popolare. Un viaggio sulla Rete mette in guardia gli italiani: c’è veramente poco da stare allegri. I prossimi mesi si annunciano terribili.


Conti pubblici, le stime del governo, pressione fiscale record nel 2009

febbraio 6, 2009 by · Leave a Comment
Filed under: Rassegna stampa 


ROMA – Il Pil che si contrae dell’1,7% (ma non è escluso che ci possa essere un ritocco dell’ultima ora per portarlo al -2% come prevede la Commissione Europea), il deficit che sale al 3,7% e il debito pubblico che aumenta di quasi cinque punti balzando al 111,2% e una pressione fiscale ai livelli record (43,3%) del 2007 durante il governo Prodi. Sono queste le nuove stime 2009 del governo inserite in una bozza dell’aggiornamento del Programma di stabilità italiano. Il documento, secondo quanto si è appreso, sarà portato domani dal ministro dell’Economia Giulio Tremonti all’esame del Consiglio dei Ministri prima dell’invio alla Commissione Europea di Bruxelles.

Continua a leggere l’articolo di Repubblica


Pagina successiva »

Intraprendere Blog Network

Magazine Blog Network, è ad oggi il più grande network italiano di blog professionali. Per proporci delle partnership, cambi, collaborazioni, avere informazioni pubblicitarie, inviarci un comunicato stampa contattateci. Il network è gestito da Ariapertalab, casa editrice e laboratorio di idee guidato da Giuseppe Piro.


il nostro network