Iris, chiude azienda-modello italiana, l’ha strangolata la crisi globale

Fallisce l’impresa simbolo della “piastrella valley” di Sassuolo. Senza posto 780 lavoratori. La recessione non ha sfumature e minaccia di spazzare via tutti, buoni e cattivi.

QUESTA è la storia di come ti entra in casa la globalizzazione, e dopo la globalizzazione la crisi, e dopo la crisi chissà. A Sassuolo, quarantamila abitanti, una delle capitali mondiali della ceramica, la faccia cattiva della recessione si è affacciata senza bussare.
Erano anni che il settore della piastrella, quello descritto negli anni Sessanta dal giovane Prodi come il “modello di sviluppo di un settore in rapida crescita”, lentamente scendeva nelle quote di mercato, limava il fatturato, perdeva addetti, ristrutturava, recuperava a fatica con la qualità e il prezzo ciò che perdeva in quantità. All’improvviso è arrivato lo schianto.

Continua a leggere l’art Leggi tutto

COSA CI ASPETTA NEL 2009. COL PESSIMISMO DELLA RAGIONE

 

 

di Riccardo Cesari 01.01.2009

Tutti si chiedono quando finirà la crisi. Si dice anche che se i problemi sono iniziati sul mercato delle case degli Stati Uniti, è probabile che sia lì che finiranno. Dal 2006 sul Chicago Mercantile Exchange viene quotato un contratto future sull’indice S&P Case-Shiller, costruito per quel mercato. Dagli andamenti delle sue quotazioni si ricava che la discesa continuerà fino a metà 2010 accumulando una perdita del 35 per cento.

Nel pieno della crisi di fiducia che ha Leggi tutto